arrowLeft arrowRight play asscreedf2 lambda mu hand alpha beta gamma delta epsilon zeta eta theta iota kappa arrow-down pc ps4 xbox1 arrow arrow-right arrow-up twitter facebook facebook like glyph-error glyph-all glyph-friends glyph-mine glyph-trending flag filter calendar plus heart
[2017-06-11] Combat Overview - HEADER

Assassin's Creed Origins: come cambiano i combattimenti

11/06/2017 03:30

Bayek di Siwa è un uomo straordinario, che possiede abilità diverse rispetto agli altri Assassini. Ne è la prova il suo approccio allo scontro: mentre in passato i combattimenti in Assassin's Creed si basavano sulla concatenazione di più uccisioni istantanee ai danni di un piccolo gruppo di nemici, in Assassin's Creed Origins le tattiche sono più dirette e aggressive. Nel corpo a corpo Bayek combina colpi, schivate e parate e può ucciderei nemici da lontano con le armi a distanza, ma può anche scegliere l'approccio furtivo per eliminare i nemici uno a uno. A distanza ravvicinata gli avversari si coordinano e tirano frecce anche quando il protagonista è già impegnato in un corpo a corpo, il che rende indispensabile imparare a schivare. Bayek se è in piedi può anche parare con lo scudo oppure utilizzarlo per sbilanciare un nemico con una mossa non parabile. È inoltre possibile lanciare bombe fumogene nel mezzo di una combo, quando si rischia di essere sopraffatti.

"La filosofia dietro al combattimento è cambiata, come pure i comandi." commenta Ashraf Ismail, direttore gioco di Assassin's Creed Origins. "I comandi predefiniti offrono un'esperienza molto diversa rispetto ai precedenti titoli di Assassin's Creed, ma sono calibrati perfettamente per il nuovo sistema di combattimento. I giocatori che però vogliono utilizzare i comandi "tradizionali", possono farlo modificando le impostazioni. In sintesi si tratta di imparare a usare le diverse armi nelle varie situazioni, e di prevedere l'effetto delle armi impugnate dai nemici, in base al loro comportamento."

Bayek può agganciare e passare da un nemico all'altro o scatenare una tempesta di colpi leggeri per eliminare i nemici più deboli, riservando i colpi più potenti ai nemici forti o dotati di scudo. Inoltre è presente una barra dell'adrenalina in basso, che si riempie durante il combattimento: a seconda dell'arma impugnata, permette di sferrare un colpo in grado di annientare le difese dei nemici (e di uccidere la maggior parte di loro) oppure di entrare in una modalità temporanea in cui Bayek diventa più forte, più veloce e più resistente.

"L'aspetto più divertente è che si può usare un'arma per accumulare adrenalina velocemente e poi passare a un'altra per sfruttarne gli effetti." spiega Ismail. "Il che spinge ad abbinare con cura le armi per il corpo a corpo."

All'inizio della demo nel Fayyum, Bayek ha una khopesh di bronzo, un tipo spada ricurva egizia, ma anche una lancia di ferro meno potente ma più efficace a distanza. Sparse negli ambienti ci sono altre armi da raccogliere come bottino e aggirandosi negli accampamenti dei mercenari si trovano spade, scudi, pugnali, mazze e molto altro. Ogni arma si adatta a un diverso stile di combattimento e la lista completa, a quanto ci ha svelato Ismail, comprende spade normali, spade ricurve, spade doppie, mazze pesanti, asce pesanti, bastoni e lance, senza dimenticare che Bayek combatte anche a mani nude. C'è equipaggiamento per ogni tipo di missione e, assegnando le armi agli appositi slot, si può passare da un'arma per il corpo a corpo a un arco senza bisogno di accedere all'inventario.

"Alcune armi sono più efficaci contro determinati nemici." aggiunge Ismail. "Per esempio, contro i nemici dotati di scudo servono armi pesanti per sfondare la loro difesa. Ma contro i nemici agili è molto meglio scegliere armi leggere o a distanza."

Chi preferisce evitare il corpo a corpo ha a disposizione una vasta gamma di archi. Quello base da caccia non ha niente di speciale: è preciso e permette di colpire il nemico da lontano, evitando magari di metterlo in allarme. Tuttavia Bayek può ottenere una serie di archi dalle funzioni e dagli usi notevolmente differenti.

Per esempio, se ci si trova bloccati in uno scontro in inferiorità numerica, si può utilizzare un arco da guerra che scaglia cinque frecce allo stesso tempo in più direzioni. O magari un arco leggero, che scocca cinque frecce in rapida successione senza bisogno di tendere ogni volta l'arco. Poi c'è l'arco da predatore, l'arma ideale per i tiratori, dotato di un mirino di precisione e senza rinculo e si può anche sbloccare un'abilità che permette di modificare in volo la traiettoria delle frecce scoccate con quest'arco.

"Abbiamo fatto in modo che i giocatori potessero passare da un arco a un'arma da taglio rapidamente e senza ampi movimenti della visuale." spiega Ismail. "I giocatori scopriranno che nel corpo a corpo gli archi sono utilissimi: l'arco da caccia ben caricato è in grado di sfondare uno scudo e abbattere il nemico. Usare l'arco leggero permette invece di infliggere molti danni ai nemici che caricano con lo scudo alzato. In ogni caso, un colpo ben assestato con l'arco da guerra fa crollare a terra qualsiasi avversario!"

Se si preferisce un approccio più indiretto, con un colpo preciso si può aprire una gabbia piena di leoni o iene per creare un diversivo... letale. Oppure una freccia può scatenare un incendio, dando alle fiamme i contenitori pieni di bitume o di altre sostanze infiammabili. Per non parlare delle barche, che possono prendere fuoco e affondare in pochi istanti (gli occupanti in questi casi si mettono però a nuotare per poi riprendere il combattimento).

Padroneggiare le armi e le abilità di Bayek è fondamentale per cimentarsi con un'altra aggiunta di Origins: gli scontri con "boss" come guerrieri formidabili e misteriose creature. Ne abbiamo visto un esempio nell'arena della città di Crocodilopoli, in cui Bayek affronta un uomo massiccio noto come lo Schiavista. Questi combatte con una sorta di picca che gli permette di agguantare Bayek e di trascinarlo per l'arena, cercando di farlo trafiggere da trappole rotanti.

Per uno sguardo più approfondito, leggi l'articolo completo di UbiBlog qui: Maggiori informazioni

Ultime novità